Il fuoco e il silenzio

La grande conoscenza del mestiere che possiede Giuseppe Prinzi nel trattare la terra,il fuoco,i pigmenti,si materializza in ceramica di un'architettura onirica composta da brocche-pilastro bottiglie-colonne,che aprono le bocche verso il cielo,che danno e ricevono,ora aspettano l'acqua,ora la offrono,in una perdita-dono.
Il tornio e le mani danno forma ad oggetti atavici come la sua isola mediterranea e tuttavia attuali nella ricerca del ceramista; che crea oggetti di diversa percezione e policromia,quasi ad andare oltre la tridimensionalità della forma,per prediligere la bidimensionalità della pittura.Giuseppe Prinzi oggi lavora nel mettere a punto le sue forme pure,purissime ed inquietanti,ed anche nello staccare faticosamente dalle sue sculture ceramiche le suggestioni pittoriche per trasportarle su superfici piatte aride o lucide,dove lasciare la testimonianza di volti silenziosi delle maschere dell'uomo e del suo doppio,dove la parola è assente e dove il silenzio è significante

                                                                                                                                       
  Silvio Benedetto

                                                                                                                                       

Nessun commento:

Posta un commento